Cellulare spia e infedeltà aziendale

Home » Cellulare spia e infedeltà aziendale

infedeltà-aziendaleÈ possibile usare un cellulare spia per scoprire casi reali di infedeltà aziendale? Ovviamente sì. Resta comunque il fatto che i vincoli di legge legati all’utilizzo in generale di uno spy phone sono piuttosto chiari: spiare una persona a sua insaputa è reato, anche se si tratta di tenere d’occhio i propri dipendenti. Eppure, stando a quanto riportato dalla sentenza della Corte di Cassazione n.20440/15 del 12/10/2015, in determinate circostanze il datore di lavoro può avvalersi di agenzie investigative (che utilizzano tra l’altro sistemi di localizzazione satellitare GPS) per controllare l’operato del proprio dipendente fuori sede. Si tratta nella fattispecie di controlli difensivi atti a rilevare comportamenti illeciti dei propri collaboratori e subalterni durante l’orario di lavoro.

La sentenza in questione prende il via da un episodio occorso a un lavoratore ‘itinerante’ il quale, anziché fare il proprio dovere, si attardava volentieri presso il primo bar o ristorante incrociato lungo la strada. Lo si è scoperto proprio grazie a un  localizzatore satellitare installato dagli investigatori sull’auto dell’uomo. Tanto è bastato al datore di lavoro per avviare contro quest’ultimo una procedura di licenziamento per giusta causa. Di episodi di infedeltà aziendale del genere sono pieni media e rotocalchi: dipendenti pubblici che si fanno timbrare il cartellino per piantare tenda nel bar sotto l’angolo, lavoratrici che si assentano per andare a fare shopping o recarsi dal parrucchiere ecc. Per non parlare di reati ben più gravi, come il furto di oggetti o la sottrazione di segreti aziendali, per i quali il discorso sulla privacy verrebbe addirittura meno.

In questi, come in molti altri casi, uno spyphone ha una certa utilità e ragione d’essere. È comunque opportuno però fare sempre molta attenzione: le operazioni di monitoraggio devono essere approntate in maniera legale e al solo scopo preventivo. In che modo? Mettendo, ad esempio, al corrente il lavoratore che si sta utilizzando uno spyphone per tracciare la sua posizione. È questo il giusto comportamento da adottare per non incorrere in pesanti conseguenze legali.

Torna all’archivio delle news