Minori a rischio. A volte uno spyphone può rilevarsi utile

Home » Minori a rischio. A volte uno spyphone può rilevarsi utile

salvaguardia-minoriSebbene il ricorso a uno spyphone possa  apparire a molti una scelta discutibile, per tanti genitori apprensivi essa non lo è affatto. Anzi, a volte può ritornare un’opzione utile ed efficace per salvaguardare l’incolumità dei propri figli.

Alcool, droga, sesso, cattive compagnie sono  pensieri deleteri che affosserebbero chiunque, ma ancor più mamme e papà decisi a dare l’anima pur di proteggere la propria prole. Dunque che fare affinché questi poveri ragazzi non incappino in gente pericolosa e senza scrupoli?

In certe circostanze di provata gravità, uno spy phone potrebbe essere una soluzione per intervenire tempestivamente laddove ce n’è più bisogno: atti di bullismo, spaccio di sostanze stupefacenti, abuso e maltrattamento, incolumità fisica ecc. La tecnologia del software di monitoraggio dello spyphone si presta bene a fronteggiare qualsiasi emergenza, permettono al cellulare spia di funzionare come una vera e propria centralina di controllo a distanza, in grado di restituire dati importanti in real time.

Prima che la situazione precipiti del tutto, il genitore può infatti intervenire ‘chiamando’ lo spyphone in possesso del minore, avviando l’ascolto ambientale per capire quello che succede nei paraggi. Oppure può fare richiesta al telefono di rivelargli la posizione geografica attraverso un semplice messaggio di testo, leggere i messaggi scambiati dallo spyphone (SMS, Facebook, WhatsApp ecc.) o ascoltare in diretta le telefonate in entrata o in uscita dal telefono.

Tenete comunque presente che la scelta di uno spy phone dovrebbe essere circoscritta a situazioni limite, dato che per la legge italiana spiare un’altra persona è pur sempre un reato.

Torna all’archivio delle news