Parental control e cellulari: perché l’uso delle app di sicurezza a volte non basta

Home » Parental control e cellulari: perché l’uso delle app di sicurezza a volte non basta

spyphone-cyberbullismo-controllo-parentaleAntivirus intelligenti, report cronologia browser, restrizioni di accesso e molteplici altre app di sicurezza personale possono rivelarsi molto utili quando installate su uno smartphone in possesso di un minore. Tuttavia non saranno mai abbastanza per garantire un controllo parentale veramente mirato ed efficace. In casi di bullismo on line, per esempio, i vantaggi di un monitoraggio a distanza possono fare la differenza. In tali circostanze uno spy phone o cellulare spia continua a essere la soluzione ideale per prevenire qualsiasi azione lesiva nei confronti dei vostri ragazzi. La particolarità di un software spyphone, infatti, è proprio quella di prestarsi a un utilizzo completo a distanza, monitorando qualsiasi azione venga compiuta sul cellulare su cui è stato installato: intercettazione delle chiamate, ascolto dell’ambiente, lettura degli sms inviati e ricevuti, posizione geografica dello smartphone, elenco dei nomi in rubrica, controllo delle chat sono solo alcune delle operazioni che è possibile avviare con un software spia per cellulari.

Immaginate per un attimo che vostro figlio si mostri all’improvviso taciturno, restio a qualsiasi domanda gli venga posta in merito a un comportamento così inusuale. Molti genitori sanno già di cosa stiamo parlando e di certo si tratta di una situazione spiacevole che potrebbe col tempo rivelarsi pericolosa se non indagata a dovere. È proprio in questi casi che un cellulare spia offre il meglio di sé, aiutando genitori e figli a ritrovare finalmente la propria serenità. Il monitoraggio del cellulare avviene accedendo a una piattaforma on line, di facile utilizzo, su cui è possibile visionare la cronologia delle azioni compiute dal minore sul telefonino, nonché ascoltare registrazioni ambientali e chiamate, tracciare spostamenti e luoghi frequentati ecc. Insomma, nella stragrande maggioranza dei casi di cyberbullismo, uno spyphone si è dimostrata la soluzione definitiva al problema. Una volta per tutte.

Torna all’archivio delle news