Stop ai pedofili con un cellulare spia

Home » Stop ai pedofili con un cellulare spia

Che i social network, Facebook in testa, fspyphone-pedofiliaossero in buona parte responsabili degli abusi perpetrati negli ultimi anni a danno dei minori, non è una novità. Pedofilia, cyberbullismo, prostituzione minorile, e via discorrendo, sono solo alcuni dei reati messi in atto da gente senza scrupoli, grazie proprio all’utilizzo del famoso social network e di altri sistemi di messaggistica istantanea, come ad esempio WhatsApp. D’altro canto la cosa non dovrebbe affatto sorprenderci visto che, come sostiene anche una recente indagine, ben 67 minori su 100 possiedono un cellulare con cui possono tranquillamente connettersi in rete.

L’ultima conferma di questa pericolosa escalation arriva da un episodio occorso qualche giorno fa in provincia di Reggio Emilia: un giovane indiano di 21 anni ha creato un falso profilo su Facebook per ricattare una ragazzina di 14 anni alla quale avrebbe poi chiesto delle foto osè. Dopo essere stato accontentato, l’uomo ha avanzato nei confronti della ragazzina la barbara richiesta di fare sesso con lui. In caso di rifiuto avrebbe pubblicato le foto incriminate on line. La ragazzina ha deciso però di raccontare tutto alla madre, riuscendo così a individuare e far arrestare il ricattatore.

L’episodio in questione ci fa capire l’importanza dell’appoggio genitoriale in ambito di prevenzione di reati via Internet. Svincolarsi dalla morsa dei pedofili che popolano la rete (ma anche di quelli che “agganciano” i ragazzini con metodi più tradizionali) si può. In che modo? Grazie al sostegno del genitore che all’occorrenza può mettere in atto una forma di controllo attivo dei contatti, delle telefonate e dei messaggi che passano attraverso il cellulare del minore. Un software spia può, in tal senso, servire egregiamente allo scopo. Uno spy phone, o cellulare spia, è infatti capace di replicare al genitore ogni azione avviata attraverso il cellulare del minore, sia essa una chiamata telefonica, un SMS, un messaggio su Facebook o WhatsApp, suoni ambientali o localizzazione geografica. Sempre col massimo grado di discrezione e di efficacia possibile.

Torna all’archivio delle news